Mostra fotografica online "Sulla Soglia di un Segno"

ultima modifica 30/11/2020 10:27
Mostra fotografica online "Sulla soglia di un segno". L’arte ambientale di San Gimignano e Volterra attraverso gli scatti Rolleiflex della fotografa Carlotta Bertelli.

L’inaugurazione, in forma virtuale, avrà luogo sabato 28 novembre alle ore 18.

 

Da Kosuth a Kounellis, da Nunzio a Staccioli…

Carlotta Bertelli

Sulla soglia di un segno

 

20 scatti per raccontare prospettive d’arte dal cuore della Toscana, quelle incrociate dalla fotografa Carlotta Bertelli nel suo percorso tra San Gimignano e Volterra. 20 foto d’autore racchiuse nella mostra online “Sulla soglia di un segno” che potremo visitare da questo fine settimana sul sito http://exhibit.cultureattive.org oltre che sui siti dei Comuni di San Gimignano e Volterra, e sulla pagina Facebook dell’associazione Culture Attive.

Tra agosto e ottobre, Carlotta Bertelli ha percorso la strada “Volterrana”, unendo i comuni di San Gimignano e Volterra in un unico sguardo: quello della sua Rolleiflex.

Fondamentale il sostegno che il Comune di Volterra e il Comune di San Gimignano hanno dato al progetto: Carolina Taddei, assessora alla Cultura del Comune di San Gimignano, e Dario Danti e Viola Luti, rispettivamente assessore alla Cultura e assessora al Turismo del Comune di Volterra, hanno condiviso sin dall’inizio le scelte artistiche di Carlotta Bertelli.

Per l’assessora Carolina Taddei: “Nuovi sguardi tra San Gimignano e Volterra, ringrazio Carlotta Bertelli per la sua poesia visiva”. L'assessore Dario Danti parla di “un lavoro che sa dialogare con i Luoghi d’esperienza di Staccioli, una lettura appassionata delle preesistenze contemporanee e ambientali di Volterra” e per l’assessora Viola Luti, questo è “un progetto innovativo, che sa rileggere parti iconiche del nostro territorio, valorizzandolo e conferendogli nuova attenzione”

Investigando e rileggendo le opere storiche di arte ambientale presenti sul territorio, ha creato un diario visivo dei “Luoghi di Esperienza” di Mauro Staccioli a Volterra, “La sedia davanti alla porta” di Joseph Kosuth, “Senza Titolo” di Jannis Kounellis, “Senza Titolo” di Nunzio, “La Meridiana” di Giulio Paolini a San Gimignano.

Spiega Carlotta Bertelli: "Un segno è una cosa che ne indica un'altra, ripeteva sempre la mia tanto cara prof d'italiano delle medie, insegnandoci a stare davanti alle cose - ad un testo, ad una storia, ad un volto - come davanti ad un Mistero. Il linguaggio non lo può dire, anzi io credo che il linguaggio quando è autentico più che a dire serva a mettersi in ascolto, a (so) stare in silenzio - sulla soglia di un segno.

Grazie a questo progetto ho scoperto che le terre di San Gimignano e Volterra sono costellate da segni che come lettere di un alfabeto muto le pongono in un dialogo continuo con il cielo - le mie fotografie non osano decifrarne il senso, sono solo il tentativo di fare eco a quel segreto che ho sentito facendomi sempre più vicina, loro sempre più grandi e io sempre più piccina, per poi fermarmi laddove oltre può andare solo il cuore”.

Modenese, classe 1988, Carlotta Bertelli si è formata a Milano, dove ha studiato fotografia e dove ha mosso i primi passi nel campo della moda, pubblicando sia in Italia, sia all’estero. Le sue immagini sono caratterizzate da una forte componente creativa, spesso ironica e giocosa, e un uso espressivo della luce. Ha fondato lo Studio Hamor insieme al marito Gianluca Guaitoli. Ha vissuto a Milano, Parigi, New York, Rio de Janeiro e San Paolo.

L’iniziativa è organizzata dall’associazione Culture Attive ed è inserita nel progetto “Ritratti di Città - Per una narrazione contemporanea dell’arte ambientale”, con il supporto dei Comuni di Volterra e San Gimignano, con il contributo della Regione Toscana, tramite il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, nell'ambito di Toscanaincontemporanea2020.

Ufficio stampa
PS COMUNICAZIONE - Media Strategies
Sara Chiarello 329 9864843, Francesca Puliti - info@pscomunicazione.it
Marco Mannucci 347 7985172: marco@mannuccionline.com
Eventi a San Gimignano
Il mercoledì alle ore 18.30 "Varie ed eventuali", presentazione di libri, conferenze e curiosità su San Gimignano e il giovedì alle 17.30 Merenda di Storie - Letture dalla Biblioteca di San Gimignano.

San Gimignano Accade ONLINE!

Il mercoledì alle ore 18.30 "Varie ed eventuali", presentazione di libri, conferenze e curiosità su San Gimignano e il giovedì alle 17.30 Merenda di Storie - Letture dalla Biblioteca di San Gimignano.

La proposta di GIOIA+, progetto pensato per tutti coloro che hanno più di 65 anni, vede l'attivazione di gruppi a partecipazione libera e totalmente gratuita, “stanze virtuali” animate da volontari ed esperti per sviluppare i propri interessi, idee e bisogni.

Progetto GIOIA+

La proposta di GIOIA+, progetto pensato per tutti coloro che hanno più di 65 anni, vede l'attivazione di gruppi a partecipazione libera e totalmente gratuita, “stanze virtuali” animate da volontari ed esperti per sviluppare i propri interessi, idee e bisogni.

Mostra fotografica online "Sulla soglia di un segno". L’arte ambientale di San Gimignano e Volterra attraverso gli scatti Rolleiflex della fotografa Carlotta Bertelli.

Mostra fotografica online "Sulla Soglia di un Segno"

Mostra fotografica online "Sulla soglia di un segno". L’arte ambientale di San Gimignano e Volterra attraverso gli scatti Rolleiflex della fotografa Carlotta Bertelli.

Visualizza tutti gli eventi